top of page
  • Immagine del redattoreGiorgia Guzzi

CAMPIONATO in Vietnam: un bagaglio di emozioni

Si è disputata ad Ho Chi Minh City (Vietnam) dal 25 novembre al 1° dicembre 2023 la settima edizione del Campionato del mondo di Vovinam Viet Vo Dao. Era da 12 anni che i campionati mondiali mancavano dal Vietnam, e per l’occasione la Federazione Mondiale (WVVF) ha voluto fare le cose in grande. Il Vietnam ha accolto a braccia aperte 35 nazioni da parte di tutto il mondo.


Vietnam's calling

Il Team Italy non si è fatto scappare l'opportunità di partecipare ad un evento del genere. Guidati dall'head coach Monica Scarano, Maestro 5° Dang dell'ASD Parco del Ticino, i 16 atleti in nazionale sono atterrati nella vecchia Saigon pronti a vivere un'esperienza indimenticabile.



Nel Team troviamo le nostre atlete Giorgia Guzzi e Melissa Opreni. Come scritto nel precedente articolo, le ragazze hanno con sè un curriculum ricco di competizioni europee, di cui anche una mondiale per Giorgia. Entrambe alla prima esperienza in Vietnam sono partite con una carica emozionale non da poco. La delegazione dell'ASD Parco del Ticino si è composta da: il Maestro Monica, Giorgia, Melissa e Mario, padre di Melissa, e praticante da anni.


Finalmente in Vietnam

Appena atterrata la delegazione è stata accolta da un transfer che li ha portati allo stadio, Nhà Thi Đấu Phú Thọ, per la sessione di allenamento dei team. Il Vietnam ha dato il suo benvenuto con un diluvio che ha scortato la squadra fino alla porta di ingresso; successivamente allenamento di due ore e, da non sottovalutare, l'escursione termica. Infatti in Vietnam, in questo periodo dell'anno, le temperature arrivano fino ai 35° gradi.

Un bell'inizio, sicuramente molto spassoso (pensandoci ora). Ma tutto questo non ha demoralizzato, anzi!


Opening Cerimony

Come inizio del campionato, il 24 Novembre, si è svolta la cerimonia di apertura. Il Team Vietnam è famoso per le sue incredibili esibizioni, e anche questa volta non è stato da meno. Il team di atleti ha creato uno spettacolo pieno di colpi di scena e tradizione, includendo tutti i Vo Sinh delle scuole di Ho Chi Minh City: ben 700 bambini a esibirsi per le cariche maggiori del Vovinam e del Vietnam.

Inoltre, per un parte di esibizione, sono stati coinvolti gli atleti delle altre nazioni. Melissa ne ha preso parte svolgendo il quyen di spada e il Long Ho Quyen con i suoi compagni di nazionale Federico e Iris.


Guarda la cerimonia di apertura dal minuto 1:13:36


La competizione



Le gare si sono svolte dal 25 Novembre al 1 Dicembre. Il primo giorno parte con la gara di Giorgia nella categoria Long Ho Quyen, stessa categoria che aveva portato in India 2017 e che per molte volte è riuscita a farla salire sul gradino più alto del podio. Questa volta, però, ancora un quinto posto per l'atleta. La "tensione da primo giorno" e la presenza di atleti molto talentuosi hanno deciso il risultato finale. Tutto ciò però non è abbastanza per far arrendere Giorgia, che è pronta a migliorare sui suoi errori.


Il secondo giorno è tempo per la gara di Song Luyen Kiem (combattimento codificato di spada a coppie). Melissa e Giorgia, dopo duri mesi di allenamento, sopratutto per la parte più acrobatica del Song Luyen, svolgono una gara degna di nota. Anche se non riescono a salire sul podio, sono felici del risultato. Scrive Melissa "Non ho bisogno di una medaglia per definire quest'esperienza una grande vittoria: per la prima volta ho avuto la possibilità di gareggiare in una competizione mondiale, un tatami che tanto avevo desiderato e per il quale tanto mi ero preparata. Si può sempre fare meglio, ma non posso che essere soddisfatta della mia competizione."




Successivamente, il quarto giorno di gare, tocca di nuovo a Giorgia per la categoria Thai Cuc Don Dao Phap, il quyen di sciabola. Dopo giorni faticosi, ritmi serrati e tanto sudore versato, Giorgia entra sul tatami con l'idea di divertirsi e finire la sua gara. Il livello in questi anni si è alzato, e mano a mano che la competizione andava avanti l'idea era quella di dare il proprio massimo ed essere soddisfatti a fine competizione. Con questo spirito Giorgia entra sul tatami di gara e, ad un solo punto dall'atleta vietnamita, conquista la medaglia di bronzo.



"L'emozione provata è indescrivibile" dice Giorgia "sono uscita dal tatami non completamente soddisfatta della mia performance, posso fare molto meglio di così. Ho avuto il sostegno della mia compagna Melissa, dai miei compagni di squadra e dai miei amici europei, durante le performance di tutte le mie avversarie. In quei pochi minuti, che sono sembrati anni, ho avuto dei momenti di sollievo, tristezza, felicità e rabbia. Però, quando ho sentito l'annuncio al microfono della mia vittoria sono scoppiata in lacrime. Non è un oro, ma per me è come se lo fosse. È stata la mia prima vittoria mondiale, con un quyen che dal 2019 volevo portare in gara. Un quyen per cui ho sudato, ho odiato e amato allo stesso tempo, un quyen che vivo in ogni moviemento e che forse, per un periodo, mi ha odiato anche lui. Probabilmente entro troppo in empatia con le competizioni che svolgo, quasi le rendo umane, ma se non facessi così non riuscirei a dare il meglio di me ad ogni allenamento e ogni gara che faccio. L'obiettivo d'ora in poi sarà lavorare al massimo controllo mentale e fisico, oltre che il lato tecnico. Al momento però, mi sento di ringraziare tutti coloro che mi sono stati affianco: un particolare ringraziamento ai ragazzi del VoDuong Gorla, Federico e Lorenzo, a Melissa che è stata un punto fermo di sicurezza, con cui ho condiviso tanto in poco tempo, e sopratutto ringrazio l'Head Coach, nonchè mio Maestro e mia mamma Monica, perchè senza di lei tutto questo non sarebbe successo."



Il Team Italy in conclusione del campionato si posiziona all'ottavo posto a parimerito con la Bielorussia, con un totale di: un oro e 5 bronzi.


"Hey guarda, sono in TV"

Per concludere al meglio l'esperienza del Mondiale in Vietnam, il team ha preso parte a delle registrazioni per un programma su Vovinam. La prima parte delle riprese si è svolta a casa del Maestro Nguyễn Văn Chiếu. Giorgia e Melissa hanno avuto l'opportunità di visitarla e conoscere la moglie del Maestro, la signora Trần Thanh.

Le riprese sono continuate la mattina del 30 novembre: sveglia alle 5, Hủ tiếu (zuppa vietnamita) per colazione, dress code: vo phuc, e registrazioni al parco di Phu My Hung.



Infine, la produzione ha pensato di portarci in giro per Ho Chi Minh di notte, su uno di quei bus a due piani per turisti. Evento che in pochi pensavano di voler fare nella vita, ma che si è rivelata divertente ed entusiasmante sotto ogni punto di vista.



Il programma uscirà a inizio del nuovo anno su VTV Tv. Stay tuned!


Conclusioni

L'avventura finisce qui. Torniamo a casa con un bagaglio di esperienza ed emozioni, che tutti noi conserveremo per sempre nel nostro cuore. Il Vietnam è magico e aver avuto l'opportunità di vedere atleti così talentuosi ci da la forza di ritornare in palestra per migliorare.


Seguici sui nostri canali Instagram e Facebook per non perderti tutte le novità.

A presto Vietnam!

68 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page